Sunday, June 1, 2008

Come far felici, secondo degli americani, due italiani.



Avere la macchina rotta ha suoi vantaggi.
Ieri mattina (sabato mattina) verso le 10 abbiamo ricevuto la telefonata di una collega di lavoro americana, Kelly, che assieme al marito Rey, ci avrebbero portato un po' in giro a visitare posti che secondo loro ci sarebbero piaciuti.

Come far felici, secondo degli americani, due italiani,
lontani dalla propria patria da tanto tempo?

Molti di voi probabilmente sono riusciti ad indovinare: per un americano l'italiano soffre della lontananza dal cibo!
Sull'onda di questa idea, Kelly e Rey ci hanno portato a visitare:
- un bellissimo edificio (ex fabbrica come ce ne sono veramente tante nel New England), trasfomato in parte in un negozio dove si possono assaggiare (gratis!), ammirare, annusare, toccare, imparare a cucinare e comprare molti tipi di cibo. Inutile riferire che il 70% del cibo esposto era di origine italiana;
- una winery (Running Brook Wines, una cantina con produzione e vendita di vino), dove siamo stati accolti da un signore che ci ha fatto assaggiare almeno 7-8 tipi di vino, alla velocità del fast food, per poi invitarci a scegliere una bottiglia, che i nostri amici ci hanno generosamente regalato. Dopo la degustazione (non gratis!), un po' barcollanti, siamo stati a visitare il campo di vigne, circondato da una rete alta almeno 3 metri. La rete è per proteggere il vigneto dai caprioli o da altri animali che amano mangiare i germogli e poi l'uva;
- un negozio di vendita di pesce fresco, che purtroppo era chiuso.

Alla fine del tour gastronomico, dove probabilmente siamo stati testati nella nostra italianità, ci hanno condotti in una piccolissima isola a sud di Cape Cod, West Island, dove la coppia vive da 12 anni.

Ieri il tempo è stato tutto il giorno uggioso, tra qualche pioggerillina e foschia.
Arrivare nella piccola isola, tanto amata dai nostri due, con tale atmosfera, ha reso il tutto misterioso, affascinante e a misura d'uomo e donna. Le case di West Island sono tutte in stile New England, rigorosamente in legno. La maggioranza delle case si affaccia direttamente sulle acque oceaniche, ma anche quelle che non sono direttamente lungo l'oceano hanno delle vetrate che percorrono 3/4 di almeno una stanza del primo piano.
Gli abitanti dell'isola saranno 200 in inverno, per poi raddoppiare in estate, ma non di più. Rimane, a detta delle nostre guide, un posto ancora incontaminato e non di interesse turistico (a differenze della due vicine e più famose isole di Martha's Vineyard e di Nantucket, quest'ultima resa famosa anche dal romanzo di Melville, Moby Dick). Ogni isolano ha la propria piccola o grande barca per pescare in mare, per i più la pesca rappresenta un piacere del fine settimana, alcuni fanno i pescatori per lavoro. L'oceano offre molto pesce tra cui le rinomate lobster del New England, ovvero le aragoste.

A questo punto del racconto la domanda di prima si ripropone:

Come far felici, secondo degli americani, due italiani,
lontani dalla propria patria da tanto tempo?

La risposta è la stessa: con il cibo.
In questo caso, essendo su un'isola, è stato doveroso mangiare pesce.
Davanti al garage si fa spazio un grosso barbeque (proprio come nei film americani) su cui Rye appoggia delle grosse clams (vongole), "when they are smiling, they are ready to be eat!"(quando ridono, sono pronte da mangiare), ci dicono gli americani di mare, cercando di rassicurare il nostro sguardo, probabilmente tra lo stupito, lo spaventato e il soddisfatto per finalmente essere stati ammessi al "banchetto americano".

E tutto grazie alla macchina rotta!!

Nella foto: La lobster che abbiamo mangiato per il nostro anniversario. Per una cena a base di lobster, verdura e bottiglia di vino abbiamo speso soli 90,00$!

7 comments:

  1. Se fossi in voi...non riparerei più la macchina...
    :-)
    Credo proprio sia stata una bella giornata.

    ReplyDelete
  2. Hai capito che fortuna ... almeno voi avete rimediato una mangiata! Io invece quando avevo la macchina rotta, tutti mi chiedevano assistenza a domicilio, ma a piedi era un po' dura muoversi da casa!

    ReplyDelete
  3. wow !!! e per soli 90 dollari poi...
    un saluto dal Mild West

    ReplyDelete
  4. Tanto per dimostrare che buoni amici esistono anche qui, vero? Ne ho snetito parlare di questa isoletta, deve essere proprio un posto incantevole!!

    ReplyDelete
  5. L O B S T E R ! ! !

    90$????

    invidia!

    JJ

    ReplyDelete
  6. wow che bel blog! mi sono letta tutti questi post sorridendo. Bellissimo! anche io tanti anni fa mi sono sparata un anno in America, e quindi ti leggo sorridendo.

    ReplyDelete
  7. Gooey Ducks grow to about two pounds in four or five years.
    [url=http://www.gooey-duck.com/]gooey duck[/url]

    ReplyDelete